Una serata iniziata male.

Una serata iniziata male.
Mi sono preparata, una doccia, poi sono uscita, il viaggio sino al punto di battuage, mi sono truccata, infilato un paio di calze autoreggenti velate nere, mutandine rosse, con qualche traccia di leopardato “fa molto mignotta” una gonnellina nera top a rete per dare risalto alle mie bellissime tette, un filo di rossetto e poi, non appena in tiro, Bum il temporale.
La serata era cominciata male, un temporale tremendo, poi gli amici che attendevo mi hanno bidonato e non sono venuti, pensavo ormai di avere fatto un giro a vuoto, poi la fortuna mi è stata favorevole, un vecchio amico conosciuto due anni fa, e arrivato, dopo le due chiacchere di rito, ci siamo addentrati nel boschetto, Lui si che sa quello che mi piace e se ne approfitta, mi strizza i capezzoli e me li succhia, non misuro il tempo ma è moltissimo, attorno a noi si crea un piccolo pubblico che di masturbatori, a noi non interessa anzi, se qualcuno vuole partecipare, noi non diciamo di no, ma probabilmente preferiscono masturbarsi, Il mio amico continua a farmi mugolare, sembro una cagna in calore, poi comincio a spompinare, lui mi trattiene e mi incita sempre di più, io continuo fino in fondo alla gola, non dico mai ferme o basta, a nessuno, alla fine mi inonda la bocca trattenendomi per le orecchie.
Ritorniamo alle reciproche vetture ci salutiamo, mi sposto in una altra piazzola, per eccitare di più e attrarre al massimo, mi tolgo la gonna e rimango in autoreggenti e top, sempre con le mie bellissime tette esposte, suscito pure l’apprezzamento di alcune sorelline, molto carine, anche loro in cerca di cazzi, La mia esibizione ha un immediato effetto, due bei signori maturi al punto giusto, come piacciono a me, con due bei cazzi li ho presi con entusiasmo uno davanti mi ha riempito la bocca e l’altro mi ha cavalcata selvaggiamente a malapena riuscivo a reggermi, di solito cerco di appoggiarmi a qualche cosa di solido, vi erano le panchine più avanti ma il temporale aveva crato situazioni fangose, perciò non ci siamo addentrati troppo, insomma sono stata inculata fortemente tra le vetture in sosta. Nonostante tutto ciò non sono riuscita ad avere un orgasmo, ma ho fatto una pozzanghera di liquido prostatico, Mi sono riposta un tantino, anche se le mie tette attraggono sempre e perciò un mio prestante coetaneo ha cominciato anche lui a strizzarmi e succhiarmi i capezzoli, preso da raptus ha deciso anche lui di Incularmi, molto bravo, un bel cazzo, anche in questo caso non sono riuscita a venire.
Decido dunque di lasciare la piazzola dove la concorrenza delle sorelline era molta, mi sposto su un’atra piazzola, a parte qualche piccola toccatina non succede più nulla, ma poi più tardi quando stavo per andarmene ho incontrato un uomo maturo con un grande cazzo in circonferenza molto abile, l’ho spompinato un pochino a fatica viste le sue dimensioni, io non ho una grande bocca, anche se ingoio abbastanza bene, poi mi ha presa, una delle migliori inculate della mia vita mi ha sfondato da circa l’una di notte alle 2,34 ho perso almeno mezzo litro di liquido prostatico, mi strizzava fortemente i capezzoli come piace a me, mi girava la testa tanta è stata la goduria, Grazie caro amico, spero di rincontrarti, Stupinigi è una favola.
Se leggi questa storia e ti riconosci, e sembra che anch’io ti sia piaciuta, lascia un tuo commento..

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir