STORIA 1 – IL NOSTRO PRIMO INCONTRO

STORIA 1 – IL NOSTRO PRIMO INCONTRO
Sono a casa in questo bellissimo sabato pomeriggio d’agosto e a un certo punto suona il campanello di casa, rispondo al videocitofono ed è lei, Ilaria, la mia vicina di casa che ha 27 anni, vedo il suo viso sino alle spalle, occhiali da intellettuale e quelle spalle da ragazzina timida ma birichina, rispondo: ”Ciao Ilaria dimmi” …lei non dice nulla… continua a muoversi poco a destra e a sinistra e si guarda attorno… “… aspetta arrivo” gli dico. Esco di casa mi avvicino e noto che è agitata, un bel po’ nervosa direi, con voce tremolante mi dice: “… mi aiuteresti ho un problema a casa con un … … buco nel seminterrato e non so come fare!”, le chiedo “un cosa? Non ci sono i tuoi?“ – “NO NO! Non ci sono i miei… sono fuori!” continuo “certo, fammi vedere! se posso ti aiuto volentieri!“. Chiudo il cancellino di casa e ci avviamo verso casa sua, che dista 50 metri, all’esterno noto che c’è una motocicletta nera parcheggiata sulla strada ed è di fronte a casa sua, ci incamminiamo e dopo una piccola salitina arriviamo davanti al suo cancellino, lei davanti a me con una canottierina leggerissima rosa, un paio di pantaloncini bianchi corti, anzi direi cortissimi, le si vedevano metà delle chiappe… mmmmhhh uno spettacolo, insomma!

Ilaria apre il cancellino con le chiavi e in un attimo vola correndo veloce verso l’ingresso di casa… io non capendo inizio a correre inseguendola come uno scemo, ma a metà percorso (avrò fatto 10metri!) con lei già sull’uscio della sua porta di casa mi urla: “Attento chiudimi il cancellino altrimenti mi scappa il cane!” Torno indietro, chiudo e mi dirigo nuovamente verso l’ingresso di casa.

Entro… chiudo la porta alle mie spalle, ma lei non c’è… la chiamo…”Ilaria?!?” ma nulla… mi ricordavo qualcosa del seminterrato! subito a destra vedo le scale, le scendo e nel mentre la richiamo “Ilaria?!? Dove devo andare? Ci sei? Stai bene?” ma nulla, controllo nelle 3 stanze che trovo, nulla… non c’è! ad un certo punto mi chiama e mi urla “Sali non sono al primo piano nella prima stanza a destra”. Salgo tutte le scale pensando Arrivo al primo piano, mi ritrovo in un corridoio e dalla prima stanza a destra fuoriesce per metà una sedia quasi per bloccare l’ingresso, mi affaccio e resto imbambolato, immobile per qualche secondo, mi si apre la bocca come un pesce palla. Insomma… mi ritrovo davanti ai miei occhi 4 gambe di 2 ragazze, entrambe messe a 90 le gambe un po’ divaricate, entrambe le ragazze poggiate su di una scrivania e che inarcando il loro bellissimo corpo mi mostrano tutti i loro averi, noto subito che entrambe le ragazze sono coperte da un lenzuolo coprendogli sia la schiena che la testa, insomma vedevo solo il loro bellissimo fondoschiena semi-aperto e con quella posizione a 90 tutta la loro fighetta era in ottima vista, belle come mamma le hanno fatte … infatti entrambe erano ben depilate.

A quel punto riesco a richiudere la bocca e dico ”Ilaria …“ prendo altro fiato… e un attimo di tempo “… qui non hai un problema ad un buco ma ci sono diversi buchi con dei problemi! Cara.”

Lei non risponde e nemmeno l’altra ragazza, anche se lo sguardo era fisso su quella bellissima immagine noto che sulla sedia c’è un foglio scritto che riporta: “Ilaria ha perso una scommessa con me e per penitenza dovrà farmi vedere come fa sesso anale con un suo vicino! L’unica condizione è: il vicino deve indovinare chi è delle due ragazze Ilaria!
Se indovinerai e se riuscirai a tappare tutti i nostri buchi contemporaneamente, come premio potrai chiederci quello che vuoi! Oltre al sesso anale con Ilaria!”

Rileggo il foglio due volte perché non credevo a quello che stavo leggendo … la mia mente inizia a fantasticare.

Commento ad alta voce: ”Ilaria, hai veramente un serio problema… ma per aiutarti ho bisogno di avvicinarmi e capire meglio, come faccio da lontano ad aiutarti?” … “Posso?” nessuno risponde e nessuno fiata…

Inizio a guardare, osservo ma non riesco a concentrarmi il mio sguardo rimbalza a destra e a sinistra su quella bellissima immagine, due colline Senesi da prendere anche a schiaffi e con delle stupende labbra da mordere! È incredibile!
Sposto la sedia, mi avvicino alle due ragazze e dico: “Quanto tempo ho a disposizione?” Loro zitte non vola una mosca… allora decido di provare a condurre il gioco e penso “OK, ragazze facciamo così, ho capito che non parlate perché altrimenti capirei chi è Ilaria, quindi mi prendo circa 10 minuti di tempo e poi vi indicherò infilando l’indice nel culo in chi penso sia Ilaria. Se accettate non dite niente entro il 10!” Inizio a contare. 1-2-3-…-9-10″ Nulla loro zitte!

Mi metto in ginocchio, dietro di loro, posizionandomi in mezzo alle due ragazze e noto che sul letto a fianco della scrivania ci sono tutti i vestiti, anche quelli che indossava poco prima Ilaria. Comincio a sfiorare le caviglie più esterne (mano sinistra sulla caviglia sinistra della prima ragazza e mano destra sulla caviglia destra dell’altra ragazza), le sfioro entrambe con i polpastrelli e le massaggio poco poco cercando di stare sempre leggero, le voglio portare lentamente al piacere. Inizio a salire sul polpaccio, sempre lento, dolce, per poi riscendere un po’, gioco con i 2 polpacci delle ragazze e sento che la ragazza di destra irrigidisce un po’ il muscolo… continuo la mia salita e raggiungo le ginocchia, sembra piacere ad entrambe ma per ora non noto nessun movimento strano. Continuo la salita e arrivo alla base dei glutei, belli, morbidi, mi viene voglia di dare uno schiaffo deciso ad entrambe ma mi trattengo, passo dall’esterno arrivo fino alla centro della schiena e scendo dalla parte opposta del fianco di ogni ragazza, effettuo tutta la discesa morbida ma andando più veloce rispetto la salita dell’altra gamba raggiungendo le caviglie… entrambe mentre scendo noto che hanno alzato i piedi come per dirmi .

Riparto con la salita ma stavolta posizionando i polpastrelli all’interno delle gambe.
Salgo, dolce e alla ricerca della loro voglia, raggiungo le ginocchia, continuo la salita sino all’inizio dei glutei , i miei pollici sono liberi e decido di cercare quanto di più possibile e voluto in quel momento, ho entrambe le mani all’interno delle gambe delle ragazze e inizio a sfiorare le grandi labbra di entrambe con il pollice, una delle ragazze sembra essere interessata e inizia a seguirmi e muove un po’ il bacino.

Massaggio e palpeggio i due bellissimi sederini mentre il pollice massaggia le grandi labbra… direi non troppo umide… credo che vogliono che continui e lì mi dedico completamente alle loro fighe. Inizio a cercare entrambe i clitoridi e a massaggiarli delicatamente, vedo e noto che una delle due ragazze, quella di sinistra vuole farmi trovare il punto giusto, continuo e continuo, nel frattempo i minuti passano. Entrambe le fighe si stanno bagnando, piano piano sempre di più, decido di provare a leccargliele, iniziando dalla ragazza a destra, la posizione non è comodissima e lei non mi aiuta affatto, riesco a sentire il suo sapore, buono non troppo acido, una bella figa morbida e abbastanza umida ma non trovo la posizione corretta e poco dopo passo alla ragazza a sinistra che la sento molto più presa dal mio continuo massaggio sul clitoride, con lei riesco meglio ad affondare la lingua anche perché si inarca notevolmente per facilitare la leccata e noto immediatamente che il sapore della sua figa è molto più acido dell’altra quasi a sentire un gusto di limone, bella e buonissima, mi dedico per bene con la lingua e nel mentre lei mi aiuta con la sua mano, nel frattempo sto continuando a massaggiare l’altra ragazza con l’altra mano, ma ahimè dopo un paio di minuti la ragazza di sinistra mi sa che sta per avere un orgasmo si muove troppo e sento dei lamenti provenire da sotto il lenzuolo, continuo e la aiuto anche con la mia mano e si!, credo proprio di averla accontentata!.
Infatti nel mentre che continuo a masturbare la ragazza di destra la ragazza di sinistra mi allontana la faccia dalla sua figa con la mano e con la stessa mano sembra indicarmi qualcosa… sembra che mi stia indicando l’altra ragazza!

A quel punto penso Continuo i massaggi alla ragazza di destra e decido di sfidare la ragazza di sinistra, gli prendo la figa tra le mani e inizio a comprimere le grandi labbra cercando di fargli capire che se mi imbroglia o mi frega gli farò male alla sua figa! Lei con la mano si ferma per un attimo… ma poi riprende e insiste continua ad indicarmi la ragazza a destra. ho pensato

Tolgo entrambe le mani dalle fighe delle due ragazze e mi sposto su quella di destra, appoggio entrambe le mani su quel bel culo gli allargo più che posso le chiappe e inizio a leccargli tutto quanto dalla parte finale della figa sino all’ano! Poco dopo mi fermo, mi alzo e dico “Secondo me sei tu Ilaria e gli infilo parte dell’indice dentro. Si alza e con grandissimo piacere vedo che è Ilaria, il dito è ancora dentro e lei non se lo toglie, le metto la mano sinistra sulla guancia destra, sono leggermente alla sua sinistra e con la bocca mi avvicino al suo collo, la bacio 3 , 4 volte delicatamente, lei si inarca, io salgo sino all’orecchio e le sussurro, “Ciao Ilaria, sono stato bravo a indovinare?” e in quel momento gli infilo tutto l’indice dentro! e lei… sospirando per un secondo ma con tutta tranquillità: “Si! Bravo, complimenti! Ora voglio vedere se riesci anche a rispettare la seconda condizione poi ci divertiamo!”.
Io le rispondo “Sembri proprio sicura che non ce la faccia a tapparvi tutti i vostri buchi nello stesso momento! … Sdraiati che ti faccio vedere!” Mi guarda con uno sguardo da sfida, ora le farò vedere io come la frego!

Le sfilo il dito velocissimo per farle capire che se ne pentirà! A quel punto mi spoglio ho il cazzo quasi pronto non è ancora completamente duro ma è già molto interessante, mi porto davanti alla scrivania, alzo il lenzuolo che ancora copre la ragazza a sinistra; vedo i capelli biondi, bella, una bella ragazza, le accarezzo la guancia e le avvicino il cazzo, non faccio a tempo ad avvicinargli la cappella che come una sanguisuga me lo inizia a succhiare intensamente e con molta voglia quasi volesse ringraziami per prima, a quel punto dico a Ilaria sfidandola “Beh Ilaria che aspetti? Ho altri 5 buchi da tappare!” e lei “dimmi, che cosa dovrei fare sei tu che devi fare!” le risposi: “Leccami le palle e vedi di mettertele bene in bocca, altrimenti mi potresti dire che non ti ho tappato la bocca”. Mi guarda male ma acconsente, si avvicina e inizia a lavorarmi le palle, a quel punto cerco, avendo già due buchi su sei tappati di allungarmi un po’ sulle ragazze … obiettivo: , nel frattempo inizio a sentire un immenso piacere, è la prima volta che due ragazze si dedicavano contemporaneamente al mio cazzo e alle mie palle… e la ragazza di sinistra è veramente brava ha già portato il mio cazzo a pieno regime duro come un bastone. Continuo ad allungarmi e inizio da Ilaria gli infilo l’indice nella sua bella figa non troppo umida e il pollice nel culo e noto con piacere che gli piace, una volta dentro visto che ha fatto la prepotente mi diverto un po’ e inizio a muovere quanto più possibile entrambe le dita.

Ora è il momento dell’altra ragazza gli infilo l’indice destro nella figa e tutto va bene, bella morbida e umida anche fin troppo, poi appoggio il pollice al suo ano e inizio a spingerlo ma lei lo contrae non lo lascia entrare, gli dico “Dai bella rilassati non voglio farti male, devo solo tappartelo per pochissimo…. È solo per la scommessa” insisto, muovo il pollice a destra e a sinistra, poi in cerchio per cercate di farmi spazio e finalmente, entra, lo infilo sino alla prima falange ma noto che la ragazza non è affatto a suo agio, infatti si è fermata a succhiarmi il cazzo. Nel mentre che continuo a sbattere Ilaria con la mano che la riempie tutta dico “Care ragazze, credo di aver vinto! Vi ho riempito tutti i vostri buchi nello stesso momento! Si tutti e 6!”
Subito entrambe si liberano le loro bocche, dal mio cazzo e dalle palle e le mia dita vengono tolte dalle loro parti intime. Finalmente vedo l’altra ragazza in piedi!

, mi guarda fisso negli occhi oltre-passa la scrivania e mi urta come se non mi avesse visto, la prendo per un braccio e la tiro a me, ci guardiamo nuovamente fissi negli occhi e nel mentre cerco il suo corpo, un seno interessante probabilmente una 3°, forse anche una 3° abbondante, lo massaggio e glielo palpeggio, è sodo quanto basta, con l’altra mano le accarezzo il culo x cercare di andare oltre, mi avvicino poi al suo collo, la bacio e ri-bacio salgo sino all’orecchio e le sussurro: “Ciao Bella! sdraiati sulla scrivania che…” acconsente si sdraia sulla scrivania ma questa volta a pancia in su, gli alzo le gambe e davanti a me si spalanca quella bella figa umida anzi molto bagnata, pronta e tutta da soddisfare, glielo appoggio e inizio a spingere, il cazzo le entra velocemente come se fosse risucchiato, vado dritto, non mi fermo sino a raggiungere il fondo, lei lancia un urlo! Inizio a sbatterla prima piano poi veloce poi piano e così via e di tanto in tanto la penetro profondamente sino a sentire le mie palle schiacciate contro di lei, continuiamo per un bel po’ e noto che le piace, la sento godere con qualche lamento, Ilaria nel frattempo ha sistemato la camera e preparato sul letto una coperta, ad un certo punto ci chiama, “forza vieni Sara che ti faccio vedere come si fa!” mi fermo, sfilo il cazzo e me lo ritrovo tutto bello bagnato…

Non avrei voluto terminare in quel momento ma Ilaria ci reclamava con insistenza. Sara, la ragazza che non conoscevo e che mi stavo trombando come un coniglio, si alza dalla scrivania mi prende il cazzo con la mano e mi trascina verso il letto, mi fa sdraiare, resto con le gambe fuori dal letto, il culo sul bordo del materasso. Nel frattempo Sara inizia a menarmi il cazzo con una violenza sino a farmi male da quanto me lo sta scappellando sale, scende e continua a scendere tirandomelo verso il basso (forse per farmi capire che prima avevo esagerato un po’ troppo con le spinte). Poi, sempre Sara, si inginocchia al mio fianco e inizia a leccarmi la cappella che si sta asciugando, Ilaria si mette in piedi sopra le mie gambe girata di schiena, inizia ad abbassarsi come se si stesse per sedere su di una sedia e dice a Sara, “Dai appoggiamelo che ti faccio vedere come si fa a fare sesso anale!” in quel momento penso Sara sfila la cappella dalla sua bocca e la direziona verso il buco di Ilaria, Ilaria scende, la cappella si appoggia al suo buco, io osservo la situazione da sdraiato ed è fantastica! Ilaria continua a scendere, sento la cappella schiacciarsi e poco dopo inizia a farsi strada, il buco si allarga e pian piano la cappella scompare dalla mia vista, Sento che il buco è stretto ma Ilaria continua a scendere, Sara lascia la presa del mio cazzo fino a che mi ritrovo Ilaria completamente seduta su di me con il cazzo totalmente dentro! Ilaria inizia a muoversi, a salire e scendere piano e dolcemente poi veloce insomma decide lei sia la velocità che la penetrazione, noto Sara cercare il mio cazzo, mi guarda e vede la mia faccia al quanto soddisfatta, Ilaria continuò così per un bel po’ non so per quanti minuti ma mi piaceva tantissimo! Ogni tanto lo faceva uscire completamente e Sara la aiutava a reinserirlo, il momento più bello era quando la cappella stava per scomparire nuovamente dentro, infatti a volte Ilaria spingeva un po’ più del solito e si ritrovava impalata con tutto il cazzo dentro di botto senza quasi accorgersene, continuava e notavo che non voleva fare usare il mio cazzo da Sara, Sara infatti, lo notavo, lo stava cercando e lo voleva ancora per se ma non riusciva ad approfittarne perché Ilaria non lo mollava. Inizio a sentire dei massaggi alle palle … si era Sara che cercava qualcosa dalle mie parti intime. Sono soddisfatto e molto preso dalla situazione che tutta quella mia soddisfazione si trasformò in una fantastica inondazione di sperma e credo di avergli riempito per bene il culo a Ilaria!

Piano Piano Ilaria fa scivolare fuori il cazzo e restando sopra di me poco dopo inizia ad uscire il mio sperma, Sara non esita una attimo e regala alla mia cappella un’ottima succhiata assaporando tutto il mio sperma.

Mentre le due ragazze si concentrano sul mio cazzo, resto lì immobile a godermi la scena, è bellissimo sentirsi al centro di due ragazze, terminano e per ringraziarle decido di chiedere ad entrambe “Posso contraccambiare? Ve le vorrei leccare per bene!” loro: “certo!” Prendo Sara e la faccio sdraiare sul lettino, inizio a leccargli tutta la figa, gioco con la lingua da tutte le parti, leccate, succhiate, mi aiuto con la mano sino a portarla ad un bellissimo secondo orgasmo, poi mi concentro su Ilaria e con la stessa tecnica porto anche lei a godere con una bella leccata e masturbata di figa.

Terminiamo l’incontro ci sistemiamo e ci rivestiamo e li cerco di capire e sondare meglio che cosa era successo, un po’ di domande e scopro che Ilaria che è fidanzata aveva perso una scommessa con Sara che è single e come penitenza Ilaria doveva far vedere a Sara che si faceva inculare da uno sconosciuto scelto da Sara. Ilaria aveva accettato questo gioco mettendo 2 delle regole.

“Beh ragazze sembra che io abbia rispettato le vostre regole ora dovrei scegliere io? ” “SI! SI!” risponde immediatamente Sara “Che cosa vorresti?” Prendo un attimo e rispondo: “Vorrei fare del buon sesso con voi anche non insieme se volete per almeno altre 5 volte!” e Sara “Io accetto molto volentieri e anche più di 5… se vorrai!” Sorride. Ilaria invece: “Eh ma io sono fidanzata!” Senza pensarci due volte risposi: “Tranquilla Ilaria se non vuoi che venga a sapere di oggi troverai il modo di accontentarmi! E poi possiamo anche farlo con lui se ti andrà così non ci saranno problemi!?!?” Sorrise anche lei…

Con queste ragazze sono iniziate una serie di Avventure veramente speciali e se questa storia troverà un buon riscontro vi racconterò anche come sono andate le altre. Ciao.

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir